RICONOSCIMENTI

I MARCHI DA NOI TRATTATI

Junkers
Beretta
Baxi
ferroli
chaffoteaux et maury
Saunier Duval
Fondital
Ar Therm
Cosmogas

I CONSIGLI DELL'ESPERTO

Gli impianti con potenza inferiore a 35 kW (quasi tutti quelli autonomi di appartamenti di dimensioni medie) devono essere verificati ogni due anni, qualora "il generatore di calore abbia un'anzianità di installazione superiore a otto anni e per gli impianti dotati di generatore di calore ad acqua calda a focolare aperto ( non a tiraggio forzato) installati all'interno di locali abitati".

Il Decreto legislativo 192/2005, che regolamenta i tempi e le modalità delle verifiche degli impianti, stabilisce che: "per gli impianti di potenza nominale del focolare maggiore o uguale a 35 kW" (quelli condominiali centralizzati, per intendersi) i controlli vanno effettuati almeno ogni anno, sia che si tratti di impianti alimentati a combustibile liquido o solido, sia che si tratti di impianti alimentati a gas (allegato L, comma 1, par. a).

Per riscaldare l'acqua con costi inferiori a quelli a cui normalmente siamo abituati, possiamo usare le Caldaie a Condensazione. Prima, però, è doveroso spiegare cos'è il calore latente liberato dalle caldaie. Il calore latente di condensazione viene fornito all’acqua di ritorno della caldaia, cioè l’acqua da riscaldare. Inoltre, una minore temperatura dei fumi in uscita dalla caldaia a condensazione, generalmente 80 °C rispetto ai circa 100 °C per le caldaie standard, permette di ridurre anche la quantità di calore disperso attraverso il mantello della stessa caldaia.

L’accoppiamento ideale è una caldaia a condensazione ed un impianto a pannelli radianti, essi lavorano con acqua di mandata a 40/45°C e temperature dell’acqua di ritorno a 30/35 °C, l’utilizzo di un pannello solare termico da luogo ad un vero e proprio sistema integrato capace di sfruttare combustibili fossili e l’energia solare come risorse alternativa e rinnovabile.

Il controllo fumi e la pulizia della caldaia vanno effettuati ogni 4 anni se la caldaia ha meno di 8 anni ed è stagna oppure installata esternamente all'appartamento, mentre va effettuata ogni due anni se la caldaia ha più di 8 anni (anche se installata esternamente all'appartamento) o se è installata all'interno dell'abitazione (anche se la caldaia ha meno di 8 anni).

«
»
LiveZilla Live Chat Software