RICONOSCIMENTI

I MARCHI DA NOI TRATTATI

carinci
edilKamin
Lincar
Nordica Extraflame
Marocchi
Mcz
Dal Zotto
Caminetti Montegrappa
Cadel
Clam caminetti

I CONSIGLI DELL'ESPERTO

Il raccordo tra cappa e condotto principale deve avere un'inclinazione costante (max 45°) e non presentare né spigoli, né strozzature, in modo da agevolare l'uscita del fumo verso il camino. Se il raccordo non viene realizzato in questo modo, si rischia un cattivo tiraggio del camino, con conseguente possibilità di sbuffi di fumo nell'ambiente.

Per un perfetto tiraggio ti consigliamo l'uso di canne fumarie coibentate in refrattario, con sezione circolare (rispetto a quelle di sezione quadrata o rettangolare a parete liscia) in modo tale da agevolare la corretta uscita dei fumi. La sezione, adeguata alle esigenze del camino, dovrà mantenersi costante per tutta la sua altezza: più alta è la canna fumaria migliore è il tiraggio. Materiali da evitare per la costruzione della canna fumaria sono: l'acciaio zincato, il fibrocemento e i tubi corrugati internamente.

Per prevenire eventuali ritorni di fumo l'uscita della canna fumaria non deve avere nessun ostacolo (alberi o fabbricati) per un raggio di almeno 8 m. Inoltre il comignolo deve essere posto ad una altezza di almeno un metro sopra il colmo del tetto.

Per congiungere un caminetto con la canna fumaria (che non si trova sulla verticale del caminetto) devi usare raccordi con un'inclinazione non superiore ai 45° (meglio se di 30°) senza strozzature e spigoli interni, come previsto dalle normative vigenti in fatto di installazione di generatori di calore a combustibile solido.

Per un ottimo funzionamento del caminetto è determinante che la ripesa d'aria comburente sia collegata con l'esterno o con un locale più ventilato, che garantisca maggiori ricambi di aria. Questo al fine di permettere il costante ricambio di ossigeno all'interno dell'ambiente, una perfetta e completa combustione della legna e di conseguenza un maggior sviluppo di calore.

«
»
LiveZilla Live Chat Software